Caricamento in corso... Si prega di attendere.
Look & Wellness: Centro tricologico e cura dei capelli

La caduta capelli da chemioterapia si verifica in tutti i casi?

Ecco i farmaci che causano la caduta capelli durante i trattamenti antitumorali

La caduta capelli da chemioterapia si verifica in tutti i casi?

La caduta capelli da chemioterapia, in seguito a trattamenti chimici, non costituisce, nella maggior parte dei casi, un problema "fisico" vero e proprio, in quanto non comporta danni alla salute della persona, ma le sue implicazioni sono piuttosto di natura psicologica.

La caduta capelli durante la chemioterapia è causata, dal punto di vista medico, dal fatto che i farmaci chimici per la cura del cancro sono progettati e studiati per aggredire e danneggiare le cellule in rapida crescita, come ad esempio le cellule tumorali. Lo svantaggio è che questi farmaci colpiscono le cellule senza fare distinzioni fra quelle sane e quelle cancerose.

Il fenomeno della caduta capelli raggiunge il picco di massima gravità in concomitanza con il concentrarsi della sostanza chimica utilizzata nel corso del trattamento. La sua "estensione" dipende dalla durata del trattamento farmacologico ed, in genere, aumenta man mano che si procede con la terapia.

Le probabilità di perdere i capelli dipendono dalla dose della sostanza chimica che viene somministrata al corpo: i farmaci che vengono somministrati per via endovenosa e in quantità massicce possono determinare una caduta capelli più rapida ed estesa, rispetto ai farmaci somministrati in dosi minori e a basse concentrazioni. Lo stesso vale per certe combinazioni di farmaci, che possono aumentare il rischio di caduta capelli rispetto alle singole preparazioni. Di norma la caduta capelli è più frequente quando la terapia antitumorale è composta da farmaci come Ciclofosfamide, Dactinomicina, Irinotecan, Doxorubicina, Paclitaxel, Topotecan e Docetaxel.

  • Il Ciclofosfamide viene utilizzato per la cura di diverse patologie neoplastiche, incluso il trattamento di leucemia linfoblastica acuta, leucemia linfatica cronica, linfoma di Hodgkin, linfoma non Hodgkin, micosi fungoide, e un certo numero di tumori solidi come il cancro al seno, neuroblastoma, tumore ovarico e retinoblastoma. Questo farmaco è usato per trattare diversi tumori solidi e, di norma, viene somministrato con preparazione singola. Nel caso di somministrazione di questo farmaco, la caduta capelli è reversibile dopo 3-6 settimane dalla sospensione della cura;
  • L'Irinotecan viene impiegato per curare il cancro del colon-retto, in fase metastatica, in monoterapia con preparazione singola o in combinazione con l’acido folico e 5 fluorouracile (5-FU). Inoltre il farmaco è impiegato per la cura del cancro polmonare a piccole cellule (SCLC) e il cancro allo stomaco. Il farmaco può essere impiegato anche per altri usi per il trattamento del cancro cervicale, glioblastoma (GBM), cancro dell’esofageo metastatico e carcinoma pancreatico metastatico;
  • La Doxorubicina viene utilizzato per curare una grande varietà di tumori, fra cui soprattutto il cancro al seno, al polmone (tipo SCLC), vescica, tiroide, e il cancro ovarico, ossa, tumori maligni dei tessuti molli (sarcomi), linfoma di Hodgkin e non-Hodgkin, leucemia Tipo di AML e ALL, Neuroblastoma e cancro del rene Wilm. Il farmaco può essere usato anche per curare il cancro del corpo uterino, il mieloma sarcoma nell’utero, il cancro al fegato, i tumori della testa e del collo, e il cancro del rene.
  • Il Paclitaxel viene impiegato per la cura del cancro al seno metastatico, in particolare quando la terapia tradizionale e convenzionale fallisce. Può essere usato anche per curare il tumore del polmone a cellule non piccole (NSCLC) in stadio avanzato, ad esempio per i pazienti che stanno per andare a radioterapia o chirurgia. Viene somministrato anche in combinazione con altri farmaci, per combattere il cancro al seno e il sarcoma di Kaposi;
  • Il Topotecan è il farmaco utilizzato per trattare alcune tipologie di cancro al polmone, cancro ovarico e della cervice uterina. Il farmaco viene anche impiegato nel trattamento del sarcoma di Ewing e rabdomiosarcoma;
  • Il Docetaxel è utilizzato per trattare una serie di patologie, come il cancro al seno, il cancro del polmone non a piccole cellule, il carcinoma ovarico dopo il fallimento prima della terapia con un altro farmaco, il tumore della prostata, i tumori della testa-collo di tipo a cellule squamose e il cancro gastrico in fase avanzata.

Il tasso di caduta capelli è elevato anche quando vengono impiegati Bleomicina, Etoposide, Epirubicina, Gemcitabina, Metotrexato, Mitomicina, Oxaliplatino, e Fluoruracile.

Ci sono poi farmaci di tipo molecolare, come il Trastuzumab, Sorafiniv, Sunitinib, che possono causare altri effetti collaterali connessi alla caduta capelli: prurito della pelle, pelle secca e crescita irregolare di capelli o completa calvizie.

I capelli ricrescono dopo la chemioterapia?

Dopo la chemioterapia o la radioterapia è possibile tornare alla normalità.

I capelli tornano a crescere quando si conclude il trattamento farmacologico, in quanto quest'ultimo inibisce la normale ricrescita dei capelli. Il processo di caduta capelli, dunque, è assolutamente reversibile. Di norma il ritorno alla "routine" e alla ricrescita dei capelli si verifica diverse settimane dopo la conclusione della chemioterapia e, talvolta, anche dopo due o tre mesi dal termine.

Nella maggior parte dei casi, le caratteristiche dei capelli cresciuti nuovamente sono cambiate rispetto a quelle dei capelli di prima: diversi possono essere infatti il colore e la forma dei capelli, più ondulata ad esempio.

Previeni gli effetti provocati dalla caduta capelli!

Devi sottoporti ad un trattamento di chemioterapia o radioterapia e hai paura di veder compromessa la tua immagine di sempre? Temi che la caduta capelli possa mettere in pericolo la tua normale vita quotidiana e il tuo rapporto con gli altri?

Per prepararti alla caduta capelli e alle conseguenze che essa porterà nella tua vita, puoi ricorrere a rimedi e soluzioni di infoltimento capelli, che mascherino la caduta capelli, senza però inibire la normale ricrescita della chioma quando la terapia lo consentirà. Il Centro Tricologico Look & Wellness di Forlì-Cesena propone da anni una protesi capelli rivoluzionaria, studiata appositamente per le persone che, come nel tuo caso, devono sottoporsi a terapie antitumorali, ad esempio radioterapia e chemioterapia, oppure sono già coinvolte in trattamenti per la cura del cancro.

Si chiama 3T IONIX ed è un dispositivo medico, consigliato da tutti gli specialisti in materia, specificatamente pensato per chi ha problemi di alopecia da chemioterapia.

Se desideri saperne di più sulla protesi per capelli 3T IONIX e sulla sua straordinaria efficacia, contatta il Centro Look & Wellness per una consulenza personalizzata gratuita. Saremo lieti di aiutarti a studiare insieme a te la soluzione più adatta al tuo caso specifico di caduta capelli.